25Gennaio2016

AccendiAmo la Memoria: Gaeta non dimentica

Dal 27 al 29 Gennaio 2016

Riflessioni ed incontri nel "Giorno della Memoria"

		AccendiAmo la Memoria: Gaeta non dimentica

Tags: News News

A Gaeta AccendiAmo la Memoria per non dimenticare. Dal 27al 31 gennaio 2016, in occasione del Giorno della Memoria ( 27 gennaio 1945, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz), l'Amministrazione Comunale, in collaborazione con le Associazioni culturali deComporre,  TeatrArte e Turismo creativo, propone una serie di momenti di riflessione "per tenere sempre accesa la memoria su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, per ricordare tragiche ed oscure pagine della nostra storia, per non essere complici e lavorare insieme perché simili eventi non accadano più" sottolinea il Sindaco Cosmo Mitrano.

Le manifestazioni prenderanno il via mercoledì 27 gennaio 2016, alle ore 19, quando  in Piazza della Libertà saranno distribuite delle fiammelle, simbolo dell'accensione della Memoria, seguirà nella prima piazzetta di Via Indipendenza un momento di forte coinvolgimento con le installazioni d'Arte "Anime" e la coreografia di Francesco Azzari.

Giovedì 28 gennaio, alle ore 19, presso il Museo Diocesano, "E ci tolsero le scarpe" reading di versi e brani sull'Olocausto con Max Condreas, Sandra Cervone, Giuseppe Pensiero e Diego Sasso. Regia di Anna D'Acunto.

Interverrà Alessandro Izzi (critico e saggista).   Accompagnamento musicale a cura del M° Giuseppe Mossuto, docente di flauto del Conservatorio "L.Refice" di Frosinone.

Venerdì 29 gennaio 2016, alle ore 11, nell'Aula Consiliare del Palazzo Comunale, il Primo Cittadino consegnerà le Targhe della Memoria a 5 gaetani insigniti della Medaglia d'Onore dal Presidente della Repubblica. Si tratta di 5 nostri concittadini deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra. Questi i loro nomi: Vincenzo Spinosa, nato a Gaeta nel 1919, catturato a Rodi, internato nel lager di Leopoli in Polonia, liberato nel 1945, deceduto nel 1987; Carlo Casertano nato a S. Abisco (CE) nel 1906, residente a Gaeta, catturato in Grecia, nel 194, internato a Blegenheim in Germania, sino al giugno del 1945, morto nel 1970; Pietro Vaudo nato a Gaeta nel 1915, catturato a Saseno in Albania nel 1943, internato in Germania fino al 1945, deceduto nel 2000; Antonio Volpe nato a Napoli 1921, catturato a Gaeta, nel 1943, internato ad Ausgburg sino al 1945, vivente; Armando Zona nato a Calvi Risorta (CE) il 1912, catturato a Gaeta nel 1943, ed internato in Germania fino nel 1945, morto a Gaeta.

Dal 29 al 31 gennaio 2016, dalle ore 16 alle ore 19, "A Memoria d'Uomo", installazioni create dall'attore Enzo Scipione dell'Ass.ne TeatrArte, presso il Museo Diocesano. Letture teatrali con accompagnamento della violinista Ilenia De Meo. Questo momento di riflessione sarà proposto di mattina agli alunni delle Scuole Secondarie di Secondo Grado. "Con gli incontri e le riflessioni proposti dal calendario AccendiAmo la Memoria  - afferma l'Assessore alla Cultura Francesca Lucreziano - vogliamo rivolgerci in modo particolare ai giovani. I protagonisti del futuro che dovranno sempre tenere accesa la fiammella del ricordo su quei giorni tristi del nostro passato. Una fiammella che  spezzi  definitivamente  il buio della dimenticanza, dell'intolleranza, del silenzio".                    

03Nov 01Gen

Gaeta si illumina con Favole di Luce 4 novembre - 14 gennaio

Dal 4 novembre al 14 gennaio Gaeta si illumina con Favole di Luce ...

La città à pronta ad accogliervi in un caloroso e luminoso abbraccio per vivere insieme un Natale spettacolare ...

Gaeta si presenta nel suo fascino invernale e natalizio...e vi invita ad un viaggio ricco di belle emozioni...attraverso percorsi che si sviluppano tra sogno e realtà, in cui i luoghi, l'arte, la storia della nostra città sono immersi in una dimensione magica...

Incanterà  visitatori e turisti, presentando i suoi tesori paesaggistici, storici e artistici, avvolti da cornici  di luce mozzafiato ..perché Gaeta è da vivere tutto l'anno!